lunedì 26 agosto 2013

Rietro dal viaggio di nozze

"Attento", disse. "Quella dei libri è tutta conoscenza di seconda mano, conoscenza presa in prestito. Non vale granché". [...]
L'altra via, secondo il Vecchio, è quella dell'esperienza. L'esperienza fatta su se stessi. Il vero capire non avviene con la testa, ma col cuore. Si capisce davvero solo quello che si è provato, quello che si è sentito dentro di sé.
-- Tiziano Terzani 



sono rientrata in Sardegna da quattro giorni e sono ancora frastornata dal fuso orario... uno di quei viaggi che cominci..e invece di contare i giorni che ti separano alla fine diventi avido di istanti, di paesaggi, di culture
...sei ore avanti...all'andata in aereo verso mezzanotte avevo appena preso sonno quando ho visto il sole spuntare dall'altra parte del mondo..e tutto è stata una corsa  frenetica verso luoghi talmente belli da togliere il fiato!
Non me l'aspettavo così la Cina...arrivi li e tutto sembra capovolgersi, Pechino invasa da libellule, umidità e caldo a livelli altissimi, grattacieli ovunque, scooter sui marciapiedi, autisti che non si curano dei pedoni...ombrelli per il sole, ombrelli per la pioggia, ombrelli sugli scooter...ma poi ti ritrovi davanti alla città proibita, all'esercito di terracotta...passi dalla ricchezza delle grandi città all'immensa povertà dei paesi su scenari di risaie infinite...ti ritrovi seduta fradicia di pioggia senza ombrello a vedere uno spettacolo sul fiume, del più famoso regista cinese, con 650 attori che si muovono sull'acqua, ti guardi intorno e noti dietro di te c'è una quantità di gente impensabile...sotto la pioggia, in silenzio ad ammirare questo spettacolo surreale, indescrivibile..e la pioggia che cade sembra un prezzo così basso da pagare davanti a tutta questa bellezza. 
La povertà passa da schiene ricurve di contadine ormai gobbe che ti sorridono se provi a fare una foto, porte tappezzate da strisce rosse così i demoni se ne stanno fuori... e deve starci un vaso e un orologio nella sala da pranzo..che porta fortuna, acqua in giardino, melograno e bambù per tenere tranquille le anime! 
Si lasciano i villaggi e Shanghai ti spiazza con tutta la sua maestosa ricchezza, i grattacieli prendono il posto agli alberi e alle montagne e un altro tipo di bellezza fatta di luci intermittenti si fa spazio nella sera.
Mal di Cina? o semplicemente dispiacere per aver concluso un viaggio così particolare con la fortuna di averlo condiviso con un gruppo di persone con cui è stato facile legare dall'inizio. 

















10 commenti:

  1. Wow, che bella meta avete scelto per il vostro viaggio di nozze! Questa nostra Terra è così ricca di culture da conoscere!
    Baci
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gio, sono davvero felice di averla scelta :)

      Elimina
  2. Io sono paurosa e forse non l'avrei scelta come meta del viaggio di nozze, ma le vostre foto sono stupende e mi devo ricredere. E' un posto meraviglioso da visitare. Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mia sorella è stata in cina sei mesi in un'università, vedendo le sue foto e ascoltando i suoi racconti mi è venuta voglia di visitarla...l'unico pericolo sono gli automobilisti che non danno precedenza a nessuno, (pedoni nelle strisce compresi), comunque con un viaggio organizzato l'unica paura è sentire la mancanza di questi posti meravigliosi ;)

      Elimina
  3. Che bello!!!ci hai fatto venire voglia di fare un viaggio in Cina, uno di quei paesi che attraggono e respingono nello stesso tempo!!!complimenti!!! Un saluto elena e annalisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ve la consiglio ;) un saluto anche a voi

      Elimina
  4. Sono emozionata per te e per tutte le belle sensazioni che porti nel cuore :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gemma, in questo post mi sono trattenuta...sulla mia pagina fb ho pubblicato 18 gigabite di foto ahahah non sapevo quale eliminare :D

      Elimina